Carrello (svuota) 0

Nuovi prodotti

Tutti i nuovi prodotti

In vendita

Tutti i prodotti in vendita

I più venduti

Tutti i prodotti più venduti

Prezzo scontato

Rieti: Il Lago dei Cigni (sconto 30%) - 23 dicembre, ore 21 al Teatro Flavio Vespasiano

TEATROCOUPON
Risparmia 11,00 € 26,00 € Tasse incluse
37,00 €

Teatro Flavio Vespasiano - Rieti Il Lago dei Cigni (sconto 30%) - 23 dicembre, ore 21

Il Teatro si trova: Teatro Flavio Vespasiano Via dei Crispolti, 20 - 02100 Rieti LAZIO

Opzioni
Disponibile (40 Articoli)

Opzioni

• Rieti - Il Lago dei Cigni - 23 dicembre, ore 21 - Platea e Palchi a 26 € invece di 37 €

Prezzi comprensivi di prevendita

Condizioni

  • Valido come ingresso per una persona, solo per la data e l'ora acquistata
  • Posti vicini per più biglietti acquistati tramite lo stesso account
  • Tutti i posti sono garantiti e gestiti dalla produzione
  • I posti vengono assegnati dal momento dell'acquisto, affrettati per aggiudicarti i posti migliori
  • Il posto viene assegnato dalla produzione, non è possibile sceglierlo
  • Offerta non soggetta a diritto di recesso
  • Stampa e porta con te la ricevuta di acquisto
  • Disponibilità di biglietti limitata, l’offerta potrebbe chiudersi prima del tempo previsto
  • Validità: Valido per la data dello spettacolo acquistato

BIGLIETTI SCONTATI PER Rieti: Il Lago dei Cigni (sconto 30%) - 23 dicembre, ore 21 al Teatro Flavio Vespasiano

Atto I

Nel giardino di un castello tedesco si sta celebrando una festa in onore del principe Siegfried. Il giovane ha compiuto la maggiore età ed è circondato da amici e cortigiani che ballano e danzano insieme a lui. Si unisce ai festeggiamenti anche la madre di Siegfried, la regina regnante, che esorta il figlio a scegliere una sposa tra le fanciulle che lei ha invitato al ballo che si terrà il giorno successivo. La festa continua con danze e scherzi ma ad un certo momento gli ospiti entrano nel castello, e Siegfried rimane solo: è pensieroso, sogna un amore puro, vero e non imposto. Assorto nei suoi pensieri, cerca un po’ di tranquillità e si dirige verso il vicino lago. Mentre sta osservando le rovine diroccate di un vecchio castello, viene distratto dal volo di alcuni cigni e viene immediatamente preso dal desiderio di cacciare. Imbraccia quindi la sua balestra e corre nel bosco. Mentre le rovine del castello si specchiano nelle acque silenziose, Siegfried arriva alle sponde del lago. Lì rimane meravigliato a fissare alcuni cigni bianchi che, non appena giunti a riva, si trasformano misteriosamente in ragazze. Fra loro, il principe rimane folgorato dalla bellezza di Odette: la fanciulla gli confessa di aver subito un incantesimo insieme ad altre giovani - che le ha trasformate in cigni, permettendo loro di riprendere le sembianze umane soltanto la notte - e che soltanto un uomo davvero innamorato e fedele potrà rompere l’incantesimo. Siegfried promette a Odette di salvarla e la invita alla festa del giorno dopo, durante la quale dovrà scegliere la sua futura sposa. La ragazza, però, non potrà partecipare: Siegfried le giura, allora, eterno amore e le assicura che non sposerà nessun’altra donna. Nel frattempo è giunta l’alba e le fanciulle sono richiamate al lago dal mago Rothbart e trasformate nuovamente in cigni. 

Atto II

Nella sala da ballo del castello entrano gli invitati ed iniziano i festeggiamenti. Gli squilli di tromba annunciano l’arrivo delle sei ragazze aspiranti pretendenti del principe. Siegfried è ancora pensieroso, nel suo cuore c’è ancora Odette e si rifiuta di scegliere poiché nessuna può competere con la sua amata. Quand’ecco che uno squillo di tromba annuncia l’arrivo di nuovi ospiti: uno strano cavaliere che scorta Odette, accompagnati da un seguito di cigni neri. Si tratta del mago Rothbart e della figlia Odile che, grazie al padre, ha assunto l’aspetto di Odette. Siegfried cade nella trappola, crede che la fanciulla sia la sua amata Odette e le giura eterno amore. L’oscurità cala sul castello, al momento del giuramento però Siegfried scorge la vera Odette, capisce l’inganno e disperatamente corre fuori dal castello per cercare di raggiungerla. Odette raggiunge il lago e racconta alle altre fanciulle ciò che ha visto: il principe ha rotto il suo giuramento e lei è destinata a rimanere cigno per sempre. Disperato Siegfried arriva sulle sponde del lago implorando il perdono di Odette. L’amore di Odette è più forte della magia di Rothbart e lei, commossa dalle parole del principe, lo perdona. Appare Rothbart ostinato ad ostacolare i due amanti, dà inizio così ad un duello col principe ma il malvagio viene miseramente sconfitto. È l’ultima battaglia tra il bene ed il male. L’alba arriva e finalmente Siegfried e Odette possono coronare il loro sogno d’amore: il sortilegio si è spezzato.

Scheda tecnica

CONSEGNA BIGLIETTI
La sera dello spettacolo presentando alla Cassa d'ingresso del Teatro la ricevuta che riceverai via email subito dopo l'acquisto